Shipping, Logistica e Trasporto Intermodale

Affondamento peschereccio Nuova Iside, gli arresti della Guardia Costiera

Svolta nell’inchiesta sull’affondamento del Nuova Iside, il peschereccio della marineria di Terrasini scomparso9 mesi fa nel mare Tirreno tra San Vito Lo Capo e Ustica, trascinando con sé i suoi tre occupanti. La Guardia costiera ha arrestato oggi l'armatore, il comandante e il terzo ufficiale di coperta della motonave Vulcanello, già da tempo indagati proprio perché sospettati di avere provocato l’affondamento del motopesca e di avere poi occultato le prove. Il comandante Gioacchono Costagliola, napoletano, 47 anni, e il terzo ufficiale Giusppe Caratozzolo, 27 anni, di Palmi, sono accusati di naufragio e omicidio colposo e rinchiusi rispettivamente nelle carceri di Poggoreale e di Locri mentre l’armatore della «Augusta Due Srl»Raffaele Brullo, 75 anni, posto ai domiciliari, è accusato di frode processuale e favoreggiamento personale. Nell’indagine è coinvolta anche una quarta persona, il timoniere romeno, Mihai Jorascu. La nave è sotto sequestro da tempo.